Blog: http://criminologia.ilcannocchiale.it

J.M.LECLAIR: il violinista assassinato

Il cadavere del violinista Jean-Marie Leclair fu ritrovato pugnalato senza mai scoprire il colpevole. Nato a Lione nel 1697 finì la sua vita in una casa-fortezza in un quartiere periferico di Parigi, dove si era ritirato, misantropo, tormentato da malattie immaginarie, con l'unica compagnia del suo violino. Vuoi per mano di un parente che non gli aveva perdonato di aver abbandonato la famiglia, vuoi ad opera di un altro musicista invidioso del suo talento, il 22 o il 23 ottobre del 1764 Jean-Marie Leclair fu ucciso con una pugnalata alla schiena. Si era tanto isolato dal mondo che fu trovato soltanto due giorni più tardi, riverso a terra nella sua stanza. E, come i presenti notarono subito con stupore e compassione, stringeva ancora al petto ciò che aveva di più caro, ovvero il suo Stradivari rosso.La mano destra irrigidita di Leclair aveva ormai lasciato sulla tavola del violino una macchia scura, incancellabile, che da allora in poi avrebbe costituio una caratteristica peculiare di quel prezioso Stradivari, che a tutt'oggi è custodito e utilizzato dal violinista italiano GUIDO REMONDA. (fonte Wikipedia).

Pubblicato il 25/3/2017 alle 14.10 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web