.
Annunci online

35° International Congress on Law and Mental Health (IALMH)
post pubblicato in diario, il 28 giugno 2017
Saremo presenti a Praga dal 9 al 14 Luglio 2017 per la trentacimquesima edizione dello IALMH.
Faculty of Law, Charles University             http://ialmh.org

                      



permalink | inviato da alessandromassimo il 28/6/2017 alle 19:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
J.M.LECLAIR: il violinista assassinato
post pubblicato in diario, il 25 marzo 2017
Il cadavere del violinista Jean-Marie Leclair fu ritrovato pugnalato senza mai scoprire il colpevole. Nato a Lione nel 1697 finì la sua vita in una casa-fortezza in un quartiere periferico di Parigi, dove si era ritirato, misantropo, tormentato da malattie immaginarie, con l'unica compagnia del suo violino. Vuoi per mano di un parente che non gli aveva perdonato di aver abbandonato la famiglia, vuoi ad opera di un altro musicista invidioso del suo talento, il 22 o il 23 ottobre del 1764 Jean-Marie Leclair fu ucciso con una pugnalata alla schiena. Si era tanto isolato dal mondo che fu trovato soltanto due giorni più tardi, riverso a terra nella sua stanza. E, come i presenti notarono subito con stupore e compassione, stringeva ancora al petto ciò che aveva di più caro, ovvero il suo Stradivari rosso.La mano destra irrigidita di Leclair aveva ormai lasciato sulla tavola del violino una macchia scura, incancellabile, che da allora in poi avrebbe costituio una caratteristica peculiare di quel prezioso Stradivari, che a tutt'oggi è custodito e utilizzato dal violinista italiano GUIDO REMONDA. (fonte Wikipedia).



permalink | inviato da alessandromassimo il 25/3/2017 alle 14:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
COLD CASES: THE BLACK DAHLIA
post pubblicato in diario, il 14 gennaio 2017
Settanr'anni fa Elizabeth Short, aspirante attrice, fu trovata uccisa a los Angeles. L'autopsia rivelò che Betty era stata torturata a lungo.Su di lei fu scritto un libro dallo scrittore James Ellroy. Dalia Nera diventò un simbolo nel mondo di Hollywood. Il simbolo di migliaia di stelline sognatrici che cercano tutte la stessa cosa: il successo.Chi ha ucciso Betty Short? James Ellroy, che della vicenda ne ha fatto l'ossessione di una vita, sostiene che il mistero non potrà mai avere una soluzione perché quello era un delitto pensato e realizzato per restare insoluto. Eppure, a guardar bene, nuove perizie grafologiche potrebbero riaprire ...una pista.



permalink | inviato da alessandromassimo il 14/1/2017 alle 17:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
XXX CONGRESSO S.I.C. FIRENZE
post pubblicato in diario, il 12 ottobre 2016
Saremo presenti al XXX Congresso della Società Italiana di CRIMINLOGIA (S.I.C) 24-26 Ottobre 2016 a FIRENZE      



permalink | inviato da alessandromassimo il 12/10/2016 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
John Wayne Gacy (Pogo il Clown)
post pubblicato in diario, il 8 ottobre 2016
Tutti lo descrivevano come un perfetto gentiluomo, the perfect neighbour, il perfetto vicino di casa.Eppure sulla vicenda dei 33 ragazzini uccisi e seppelliti da John Wayne,non tutto appare chiaro soprattutto in tema di imputabilità.I suoi ritratti di clown che tappezzavano la sua cella oggi valgono un sacco di soldi...



permalink | inviato da alessandromassimo il 8/10/2016 alle 16:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
IL NANO DI TERMINI
post pubblicato in diario, il 12 giugno 2016
"Si ho ucciso io Domenico Semeraro.L'ho ucciso con queste mani. Era un essere ignobile,obbrobrioso. Mi aveva schiavizzato. Non meritava di vivere". Queste le parole di Armando Lovaglio che sta scontando 15 anni di carcere per l'omicidio del Nano di Termini, di professione IMBALSAMATORE.Dalla vicenda è stato anche tratto un avvincente film noir intitolato L'imbalsamatore. Protagonisti principali ROMA e la TRASGRESSIONE.



permalink | inviato da alessandromassimo il 12/6/2016 alle 13:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIECI MINUTI PER UCCIDERE
post pubblicato in diario, il 21 febbraio 2016
DIECI MINUTI PER UCCIDERE di FRANCESO CARINGELLA NEWTON COMPTON EDITORI Sto scrivendo questa recensione del romanzo di Francesco Caringella con una penna stilografica. “DIECI MINUTI PER UCCIDERE” è , infatti, molto di più di un legal thriller. E’ un romanzo sulla nostalgia,sulla gioia di vivere e sul dolore di doverla un giorno lasciare quella vita che finisce con il piacerci, molte volte, quando i migliori anni sono oramai passati e spesso sprecati. “Tutto quello che sto per lasciare mi sembra prezioso”, esclama il protagonista del libro Antonio De Santis, negli ultimi dieci minuti che gli rimangono prima di morire assassinato. Dieci minuti in cui dovrà oltre che recuperare con la memoria i fatti salienti e meritevoli della propria esistenza uniti ai propri errori, indagare sul movente e sull’autore del proprio omicidio. Fanno da sottofondo al libro di Caringella la musica di Thelonius Monk ma anche di Keith Jarrett e Pat Metheny; perché è la musica Jazz, quella stessa della Rapsodia in Blue di G. Gershwin tanto per intenderci, quella che meglio descrive la vertigine delle cose e il caleidoscopio delle immagini di quella esperienza che chiamiamo esistenza. Sottofondo scenico sono invece la luce della Puglia e quella della Costa Azzurra, il luogo incantato di “Tenera è la notte” di Francis Scott Fitzgerald. La chiusura del libro è il momento in cui tutti i tasselli devono trovare la loro collocazione. “In un giallo familiare della porta chiusa”-dirà lo stesso autore nei ringraziamenti-occorre coniugare dinamiche familiari, tratti psicologici, coerenza della trama “gialla” e dosaggio della suspence”. Un libro che consiglio vivamente a tutti gli appassionati di criminologia ma soprattutto a tutti gli appassionati della vita in genere. Un bella risposta letteraria alla banalità del male.


                                                          



permalink | inviato da alessandromassimo il 21/2/2016 alle 12:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
"Cure the Mad, Help the Bad"
post pubblicato in diario, il 22 novembre 2015
L'appuntamento, questa volta,è presso l'Aula Magna del Tribunale di Avellino. Si tratterà, come recita la locandina, di un "Confronto a più voci" su tematiche non più procastinabili alla luce delle recenti sentenze della Corte Costituzionale che aspettano di essere recepite dai Codici Penale e Penitenziario. Parleremo di R.E.M.S., di Nuova Pericolosità Sociale anche con nuove metodiche, di Misure alternative al carcere,di imputabilità, di valutazione del rischio psichiatrico e di gestione clinica e integrata con i servizi dell'UEPE (Uffici per l'Esecuzione Penale Esterna). Molte Regioni virtuose si sono organizzate per il cambiamento, molte altre meno. Faremo il punto sulla situazione dell'applicazione della sentenza n.186/2015 della Corte Costituzionale e della Legge n.81/2014. Vi aspettiamo numerosi e motivati.



permalink | inviato da alessandromassimo il 22/11/2015 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
GRAZIE GENOVA, Arrivederci a Firenze
post pubblicato in diario, il 25 ottobre 2015



permalink | inviato da alessandromassimo il 25/10/2015 alle 14:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
XXIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Criminologia
post pubblicato in diario, il 9 settembre 2015

Saremo presenti al XXIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Criminologia a Santa Margherita Ligure (22-24 Ottobre) Grand Hotel Miramare (GE). Il congresso cercherà di fare il punto su un tema molto dibattuto quanto trascurato della scienza criminologica: l'aiuto che la criminologia, declinata nelle prospettive che la costituiscono, può fornire alla presa in carico e al trattamento dell'autore di reato.Il convegno intende esplorare tutti i risvolti del problema, partendo da una definizione dei grandi approcci teorici dello scorso millennio, più o meno "ortodossi": impostazioni psicodinamiche, cognitive, fenomenologiche, finanche microsociologiche, per poi passare a trattare aspetti scientifici "duri", al confine con biologia, genetica, neuroscienze e psicofarmacologia; di qui, a esplorare la psichiatria e la psicodiagnosi dell'antisocialità. Concluderà il convegno un momento "alto" di confronto fra criminologia e diritto, circa la dialettica tra libertà e vincolo, principio di beneficità e principio di legalità, alla luce delle recenti riforme che hanno caratterizzato il sistema penale del nostro paese. (Fonte www.criminologiaitaliana.it)


 




permalink | inviato da alessandromassimo il 9/9/2015 alle 14:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia marzo       
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca